MISTERO

Piccola Mistero, come sei bella in questa foto! Voglio ricordarti così, com'eri quando scappavi veloce sul noce e non quel misero cosino senza pelo e tutto storto che eri quando sei partita per il ponte. Ma io ti volevo bene lo stesso e avrei continuato per sempre a curarti, a lavarti, a cambiarti il pannolino su cui dormivi. Cara piccola Mistero semiparalizzata eppure indomita, cara piccina che hai lottato come una leonessa contro un'assurda e rara malattia.
Ora sul ponte corri veloce come una volta e non hai più dolore.
Sei partita da poco e già mi manchi.
Ti vorrò sempre bene.
Clementina