BATUFFOLO C.

BATUFFOLO Cavalleri:

Ci hai salutati tutti, ieri, con dolore.
I tuoi stessi brividi, m’hanno attraversata.

Non ho mai scritto, di te.
Lo faccio solo ora, in un sussurro
per poterti carezzare idealmente ancora, in parole.

Lieve esserino, così ‘presente’ tra noi,
nella nostra vita familiare, di quotidianità
trascorse in anni e giorni, in ore e luoghi, insieme.


Hai conosciuto, ieri,
boschi e cieli nuovi,
profumati di rugiada e sole.

Ma sarai anche tu,
indelebilmente con noi,
per sempre, tra i ricordi della vita.


(17 settembre 2001)