RAS

RAS

Tu che stavi nella mano di papà
e annusavi sempre qua e là.
Mordicchiavi le mie ciabatte
e puntualmente dovevo comprarne altre.
Come ti facevi sentire
quando la pappa stava per finire.
Abbaiavi continuamente e la guardia facevi
dalla gente strana lontano ci tenevi.
Solo che ti nascondevi tra le mie gambe
quando il pericolo di te era più grande.
Eri un gran coccolone
potevi farti accarezzare ore e ore.
Correvi veloce come un lampo
nessuno con te aveva scampo.
Ti rotolavi e ti sporcavi in spiaggia
ti piaceva tanto la sabbia.
Hai sempre odiato il freddo
da piccolo così come da vecchio.
Ora soli ci hai lasciati
ma non ci hai abbandonati.
Di te sempre ci ricorderemo
nei nostri cuori ti terremo…

A presto amico mio...