LARA 18 MARZO 1998 - 21/01/2012

Piccola micina, ha aperto gli occhietti quando si aprono i fiori a primavera, quando l’erba più soffice poteva coccolarti, quando la brezza di un venticello mite poteva accarezzarti.
Dolce batuffolino sembravi di zucchero a velo variegato liquirizia e caramello, i tre colori del morbido pellicciotto.
Uno spettacolo della natura vederti passeggiare, una gioia a cuor mio il volerti adottare, irresistibile alla vista, dovevo poterti acciuffare.
Istinto di piccolo felino volevi difenderti per stare con la tua mamma e fratellini mi hai morso un dito e la mia costanza nel volerti per me, hai colpito.
Ti ho rapita per darti un’altra famiglia.
Ti ho salvata dalla ferocia umana.
Sei cresciuta nel calore dell’affetto nella protezione di chi ti ha amata.
Piccola, dolce, Lara, i tuoi occhioni grandi hanno colorato i giorni più grigi la tua compagnia ha sollevato il mio morale.
Hai attraversato un gelido freddo per raggiungere un mondo paradisiaco, per ritrovare la natura selvaggia, per correre felice insieme alla tua mamma e i fratellini, per riabbracciare il mite venticello, nelle tue corse.
Un dolce ricordo, come il tuo sguardo come uno smeraldo verrà per sempre custodito nel mio cuore.
Ciao piccola Lara
Tanja