LINO

  dicembre 2000                         L I N O                          6 dicembre 2013

Carissimo LINO, il nostro incontro è stato troppo breve! Ti ho adottato nel dicembre 2010 da una famiglia di conoscenti, quindi sapevo tutto di te, e sapevo anche che non saremmo stati troppo a lungo insieme. Ma la tua vitalità, quasi immutata fino a un mese fa, ti faceva sembrare un giovanotto, nonostante alcuni brutti mali che le nostre indagini preventive sono riuscite a prendere in tempo!
Purtroppo non siamo fortunati, né con te né con altri nostri piccoli amici, e le malattie non hanno fine! Ti ho lasciato, nella pensione in cui vivevi, una domenica che ancora correvi, e il mercoledì eri paralizzato – a quanto sembra di una paralisi soggetta a miglioramenti, ma questo per noi è chiedere troppo!!!!
Così la sera del 6 dicembre, dopo aver mangiato d’appetito e mentre ti portavano a fare un po’ di fisioterapia sei crollato, lasciandomi nella più totale costernazione!
Devo ammettere infatti che in tre anni avevi preso il centro delle mie attenzioni, con la tua grande bellezza e quell’energia spropositata in un cane già un po’ vecchietto quando ci siamo conosciuti!
Ora mi resta tanta amarezza, perché non ho mai avuto da te segnali premonitori anche solo di una flessione, e tenendo conto del monitoraggio strettissimo cui eri sottoposto mi aspettavo di averti ancora con me per un po’. Ma l’ho detto, non siamo fortunati!
Grazie comunque di esserci stato, nonostante lo sconforto di questo periodo, e io ti prometto che le innumerevoli foto e riprese che mi lasci ti daranno l’eternità sulla Rete, a te e a tutti gli altri nostri amici!
Ciao LINO, campione fino all’ultimo!!!!                    
                                                                IL TUO AMICO MASSIMO (& C.)