VLADIMIR

Ciao, Vladimir!
Da quel 21 maggio quando sei saltato fuori da uno dei miei regali sei entrato
nel mio cuore, e ora che te ne sei andato piango e piangono con me tutti
i miei amici che ti avevano conosciuto e la mia famiglia.
Perchè ci hai svuotato il cuore, tu che per due anni ci hai insegnato l'amore?
Sappi che ti vogliamo ancora bene e te ne vorremo per sempre.
Mi dispiace di non averti potuto aiutare quando stavi male, e anche se mi
hanno detto tante e tante volte che non era stata colpa mia non ti ho mai
voluto uccidere con un'iniezione.
Sono stata egoista a volerti tenere con me fino all'ultimo respiro (so che
è stupido, ma speravo in qualcosa di soprannaturale).
Perdonami per tutto il male che ti ho fatto e che non mi ricordo, sarai
nel mio cuore finchè un giorno verrò anch'io dove sei tu, e potrò riabbracciarti
e giocare con te.
Questo è il mio ultimo saluto.
Ciao, mio angioletto custode.
I 'gemelli del gol' (Moyra, Edoardo, Emanuele) con i piccoli di famiglia
(Federico,Zaccaria, Riccardo).